Il Gesù Bambino di Roma

dscn94182A Roma c’è una Chiesa di Gesù Bambino a Monte Sacro e un’altra all’Esquilino. Ma non è quello il Gesù Bambino di Roma. A Roma c’è il più antico presepe del mondo, a Santa Maria Maggiore: dalla prima metà del VII secolo vi si conservano le reliquie della mangiatoia e delle fasce di Gesù. Quando nel 1200 la Terra Santa fu definitivamente perduta nelle mani dei Saraceni, la basilica romana divenne la “seconda Betlemme” e Arnolfo da Cambio vi scolpì il suo stupendo presepe. Ma non è questo il Gesù Bambino di Roma.

Se scrivete una letterina a Gesù Bambino, le poste italiane la recapitano all’Ara Coeli, dove c’è la famosa statua di Gesù Bambino. È questo il Gesù Bambino di Roma. Perché proprio questo? Perché la tradizione di Gesù Bambino qui sulla rocca del Campidoglio risale… al giorno stesso della nascita di Gesù a Betlemme. Proprio così! Il giorno in cui nacque Gesù la Sibilla Tiburtina e Augusto imperatore lo videro, così almeno raccontano i Mirabilia Urbis e la Leggenda aurea di Jacopo da Verazze. Sopra il Campidoglio apparve una grandiosa visione: nel cielo un sole d’oro dentro il quale stava seduta una donna con un bambino in grembo. dscn9419La Sibilla, rivolta all’imperatore, esclamò: “Questo bambino è più grande di te, perciò adoralo”, e si udì una voce che diceva: “Hoc est ara coeli”, questo è l’altare del cielo. L’origine del nome di quella che oggi si chiama l’Aracoeli è alquanto più complessa, resta il fatto che in quel punto del Campidoglio sarebbe sorta la chiesa della Madonna dell’Aracoeli.

Nella cappella, in fondo a sinistra, il Bambino di Aracoeli. Fu scolpito a Gerusalemme da un frate Francescano nel XV secolo, su legno d’ulivo. Poiché il frate non avendo le tinte necessarie per completare il lavoro, l’opera fu portata a termine da un angelo. Nel viaggio verso Roma la nave incappò in una furiosa tempesta e il frate fu costretto a gettare in mare la statua (altri dicono che la nave naufragò), ma il Bambino giunge da sola al porto di Livorno.

A Roma la statua fu accolta con grande festa. Un giorno del periodo natalizio una nobile romana la rubò e la nascose in casa. Il Bambinello, di notte, se ne tornò in Campidoglio da solo, mentre le campane della basilica suonavano prodigiosamente a festa. Fu poi rubata 1798 dai soldati francesi e quindi riscattata. Ma dopo il furto del 1994 né Gesù Bambino è tornato da solo all’Aracoeli, né è stato riscattato. Ora lo sostituisce una copia… in attesa del ritorno. Non c’è più neppure il favoloso tesoro che si era accumulato lungo i secoli, segno di una grande devozione, che si esprimeva in molti altri modi. dscn9420Le mamme prima del parto salivano dal Bambinello per una speciale benedizione e dopo per presentare il proprio nato. Lo si portava al capezzale degli infermi. Nel 1897 fu incoronato da Leone XII. Ancora oggi, la sera dell’Epifania, tutta la città riceve la sua benedizione.

Oggi sono stato a trovarlo. Davanti alla piccola statua un cesto con le lettere dei bambini. Le passo ad una ad una, anche se non mi è consentito aprirle. Provengono dalla Svizzera, dal Giappone, dagli Stati Uniti, da tante parti d’Italia, con indirizzi specifici con tanto di numero civico, oppure con indirizzi molto vaghi: “Il Bambino, Roma, Italia”. So che contengono richiesta di preghiere, ringraziamenti…

Prego il Bambino per i bambini, per quelli felici e quelli infelici, per chi ha i genitori e per chi è orfano, per chi è accudito e per chi è maltrattato… Soprattutto per quelli che nascono e crescono tra le atrocità delle guerre, nella fame. Lui, Bambino come loro, li capisce e li ama. Ho pregato anche per me, perché diventi come un bambino, come lui, altrimenti non si entra nel Regno dei cieli.

Ma a Roma c’è un altro Gesù Bambino, un ospedale. Mentre oggi io andavo a trovare il Gesù Bambino dell’Aracoeli, papa Francesco andava a trovare i bambini dell’ospedale. Anche lui ha preso in mano un cestino con le letterina dei bambini ammalati, e ha detto: “Vi ringrazio per i vostri sogni e preghiere, che avete raccolto in quella cesta: li presentiamo insieme a Gesù, Lui li conosce e conosce quello di cui avete bisogno. Gesù ha con voi un legame speciale: vi sta sempre vicino”.

Forse è questo il vero Gesù Bambino di Roma, quello che si trova ammalato, in tanti bambini, all’ospedale del Bambin Gesù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: